Jean-guy Trudel, una persona speciale.

trudel amarcordAlla fine della serata “Amarcord 2012” dedicata a Thomas Bäumle, sul palco della sala multiuso di S.Antonino, mi sono lasciato andare dicendo che:
Il 2013 per il Fans Club BL15 é l´anno del decimo compleanno e la prossima Amarcord vedrá salire su questo palco un campione rimasto nei nostri cuori, un trascinatore che ha vestito per quattro anni la maglia biancoblú, che ha giocato con due numeri, il 91 e il 19!

L´entusiasmo di chi era presente in quel momento era veramente tanto, nella mia testa peró continuava a risuonare la stessa frase: ma perché parlo troppo? E se non riesco a convincerlo? E se non gli importa di una chiamata di un Fans Club?

I primi contatti li avevo giá presi l´anno prima, ma purtroppo non se ne fece nulla. Memore dell´esperienza negativa ho fatto passare l´estate e a settembre l´ho contattato ancora.

Ciao Jean-guy, sono Federico del Fans Club BL15, ti ricordi? Ti ho contattato l´anno scorso per chiederti se potevi venire in Ticino per una festa in tuo onore che vorrei organizzare con il Fans Club BL15. Il periodo sarebbe fine maggio………….

Cinque lunghi giorni di silenzio, poi finalmente qualcosa si muove:
Ciao Federico,
ti ringrazio per l´opportunitá, accetto volentieri il tuo invito, non vedo l´ora di rivedere il ticino e riabbracciarvi tutti!

Dopo un inizio cosí, tutti noi del BL15 abbiamo cominciato a preparare quello che poi si rivelerá un successo incredibile.

L´arrivo di Jean-guy è previsto il 22 maggio a Piotta.

23 maggio 2013 ore 5 del mattino:
Cavolo, non si é fatto sentire, sará arrivato?
La preoccupazione é tanta, avrebbe dovuto essere giá arrivato, gli ho lasciato il numero di telefono, perché non chiama? Cavolo il telefono! scarico!
lo accendo e trovo una chiamata mancata, é il numero dell´albergo.
Chiamo in albergo alle otto e mi confermano che é arrivato il giorno prima.

Qualche ora dopo suona il telefono:

-Pronto
-Ciao Federico, sono Ivo Maggi, sono a pranzo con Jean-guy, te lo passo ti vuole parlare.
Incredibile sentirlo al telefono, mi ha parlato con un entusiasmo incredibile, quasi come un bambino che riceve un regalo tanto sognato. La voce squillante e le poche parole che ci siamo scambiati mi rassicurano e mi fanno sciogliere dopo mesi di tensione e preoccupazione.

Venerdí 24 maggio motel di piotta:
Il nostro incontro è previsto per le 16.30, arrivo al motel con qualche minuto di anticipo, mi siedo al bar col giornale in mano per ingannare l´attesa, non leggo una parola, continuo a pensare a come sará il nostro incontro. Sento la porta del lift aprirsi e sento la stessa voce squillante del giorno prima: Ciao Federico!
Alla mia risposta al suo saluto mi abbraccia forte e mi ringrazia di avergli chiesto di venire. Incredibile, non sapevo cosa dirgli, sono rimasto paralizzato da come si é presentato. Persona solare, gentilissimo, riconoscente e incredibilmente felice, non piú come un bambino che riceve un regalo tanto sognato ma come uno che ne riceve mille!
Ci avviamo alla Valascia, arriviamo sul piazzale e mi dice che la prima cosa che ha fatto al suo arrivo é stata quella di venire in pista. Aveva proprio voglia di rivedere quella che per quattro anni é stata la sua casa e che nel cuore la sará sempre! I suoi racconti si sprecano, questa volta sono io il bambino attento che ascolta le favole e vi devo confessare che i brividi durante i suoi racconti sono stati tanti.

Incontriamo i giornalisti, tutto procede come stabilito, le sue parole le avete lette o sentite per radio o avete visto il servizio di teleticino.

Alle 19 andiamo a cena con tutto lo staff del Fans Club. Serata indimenticabile tra risa, racconti, foto e abbracci. Incredibile sentire i suoi racconti sulla sua vita hockeistica e su i suoi compagni. Incredibile, noi del Fans Club a cena con Trudel. Abbiamo veramente parlato di tutto.

Ovviamente gli ho parlato anche del nostro Fans Club e del fatto che quello che facciamo lo facciamo per l´Ambrí a titolo volontario e lui é rimasto in silenzio per un attimo, poi mi ha detto semplicemente grazie. Poco prima di lasciare il grotto, dopo aver salutato i miei collaboratori(che considero fratelli) mi è venuto incontro e mi ha detto:
Federico, siete veramente super, l´Ambrí é magico perché ci sono tante persone come voi che lo rendono magico. Sono onorato che mi avete chiamato, voi tifosi siete l´Ambrí!

È difficile scrivere a parole le emozioni che abbiamo provato, ma vi assicuro che sono state fortissime. Jean-guy Trudel ci ha colpito con le sue gesta sul ghiaccio e ci ha colpito ancora di piú fuori dal ghiaccio.

25 Maggio, Amarcord 2013:
Se é stato difficile raccontarvi l´ emozioni prima della festa, lo sará ancora di piú scrivere le emozioni vissute all´Amarcord. Per ora posso solo dirvi che l´Amarcord é un´altra storia…….

Federico Lorenzetti
Presidente Fans Club BL15

0

Author: chicco

Share This Post On

1 Comment

Submit a Comment